13 June 2024 19:03:16
closed
c/o careof

Organizzazione non profit per l'arte contemporanea

c/o careof
2021

The Cool Couple - The Cute and the Useful

The Cute and the Useful
Diretto da
The Cool Couple
Italy, South Africa, 2021
Short Film - Single Channel - 4K Video 1:2.35 - English - Audio Dolby 5.1 - 17’43’’

Producers: Marta Bianchi, Lia Manzella

The Cute and the Useful, descrivendo l’industria degli animali selvatici come fenomeno tipico del Sudafrica che fonde conservazione faunistica e logiche di mercato, solleva questioni etiche e politiche per discutere la controversa comprensione del cambiamento climatico. L’opera consiste in un mediometraggio ed è accompagnata da una pubblicazione con materiale testuale e iconografico ad ampliamento del tema descritto nel film.

Il progetto è promosso da Careof in collaborazione con Nirox Foundation e con la partnership culturale di Istituto Italiano di Cultura di Pretoria, AcPAV - Associazione Culturale Parco d’Arte Vivente, Torino e Kabul Magazine. L'opera filmica entrerà a far parte delle collezioni del MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna.

The Cool Couple con The Cute and the Useful sono tra i vincitori di Italian Council 2020 (8. edizione), programma di sostegno e promozione internazionale dell’arte contemporanea italiana della Direzione Generale Creatività Contemporanea (DGCC) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

Nel 2023 l'opera è stata presentata al MART - Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto nel 2022 e all'International Short Film Festival Oberhausen, Germania, 2023.

The Cute and the Useful è stato sviluppato grazie al progtto di Careof ArteVisione, edizione 2019.

SINOSSI

Il progetto analizza la percezione dell’idea di natura in Occidente.
Sebbene negli ultimi decenni diversi ricercatori e scienziati abbiano dimostrato che la natura ha cessato di esistere, sembra difficile accettare le conseguenze di questa consapevolezza: ci troviamo nel mezzo della sesta estinzione di massa, ma il nostro immaginario quotidiano è popolato di visioni iperrealistiche di paesaggi paradisiaci. Da bambini, siamo cresciuti con animali antropomorfi che hanno rinforzato in noi l’idea che, da qualche parte, esiste un luogo dove natura significa libertà.
La ricerca, iniziata nel 2017 durante un programma di residenza d’artista presso Nirox Foundation, e proseguita nel 2019 grazie al Premio Johannesburg, è intitolata The Cute and the Useful. Questa espressione identifica le specie animali che sopravviveranno all’attuale estinzione di massa per via del loro legame, affettivo o economico, con gli esseri umani.
Il progetto, composto da un film e una pubblicazione, descrivere l’industria degli animali selvatici Sudafricana: incentrata sul concetto di proprietà privata, essa trasforma gli animali in beni che possono essere comprati, ceduti, affittati e al tempo stesso li protegge, generando una vera e propria economia. La profonda frizione tra questa situazione e l’idea occidentale di natura è il nucleo di The Cute and the Useful, stimolando una riflessione sulla percezione di forti stereotipi legati all’idea di natura nel pensiero dell’Occidente e la nascita del sistema che ha portato all’Antropocene.
Il film descrive la storia di un commerciante di diamanti che, spinto da una visione della natura fortemente influenzata dagli stereotipi dell’Occidente e dalla flessione del mercato degli animali selvatici, decide di acquistare una proprietà in Sudafrica, da destinare all’ecoturismo. Le sue intenzioni incontrano la resistenza della famiglia: il padre, ancorato al mercato dei diamanti non vede il senso di un investimento apparentemente volatile, mentre la sorella del protagonista critica gli aspetti morali della wildlife industry. La narrazione segue le vicende alternandosi tra Nord-Europa e Sudafrica, guidando così lo spettatore attraverso le controverse logiche che regolano la wildlife industry: un sistema che, al momento, è il più efficace modello di conservazione faunistica al mondo.
Negli ultimi decenni diversi ricercatori e scienziati hanno dimostrato che la natura ha cessato di esistere. Eppure, sembra difficile accettare le conseguenze di questa consapevolezza: ci troviamo nel mezzo della sesta estinzione di massa, ma il nostro immaginario quotidiano è popolato di visioni iperrealistiche di paesaggi paradisiaci e animali antropomorfi che abitano la nostra quotidianità. Anche quando il discorso si sposta sulla conservazione ambientale, il tema dominante è la ricostruzione di un’Arcadia dove natura incarna valori come libertà e purezza.

THE COOL COUPLE - BIOGRAFIA

The Cool Couple è un artist duo di base a Milano, fondato nel novembre 2012 da Niccolò Benetton (Arzignano, 1986) e Simone Santilli (Portogruaro, 1987) per riflettere sui processi di produzione, distribuzione e consunzione delle rappresentazioni collettive. Convinti che queste giochino un ruolo attivo nelle nostre vite, dando letteralmente forma al mondo così come lo conosciamo, hanno sempre cercato di mostrare come esse siano spesso intrise di una carica politica che esercita un’azione spesso inavvertibile sulla nostra quotidianità. Ogni progetto a cui lavorano rappresenta anche un’opportunità per sviluppare una riflessione su un piano linguistico, che li ha condotti negli anni a spaziare dalla fotografia fine art al video, dalla performance ai videogame, dalla stampa 3D alla pittura. Dal 2017 affrontano con più attenzione l’attuale dibattito circa la natura del presente, le problematiche relative a una denominazione per questo periodo storico che sembra seguire la fine del mondo, e le strategie con le quali convivere con un futuro difficile da immaginare.

CAST E CREDITI

The Cute and the Useful
Directed by The Cool Couple
Italy, South Africa, 2021Short Film - Single Channel - 4K Video 1:2.35 - English - Audio Dolby 5.1 - 17’43’’

Unit produciton manager: Pamela Botolo, Marta Cereda
With Eric Alexander, James Cato, Gabriel Marchand, Ilana Cilliers, Mike Killassy
Written by The Cool Couple, Paolo Cenzato
Phography: Roberto Beani
Music: ISCOTR
Camera Operators: Grant Nelson, Dale Hancock, Roberto Beani
Gaffer: Simone Michael Danis Tacconelli
Best Boy: Antonio Bianco
Sound Recordist: Matt Kokkin, Daniele Dosio
Fashion Stylist: Elisa Anastasino
Props: Federica Elmo
Fixer: Filippo Giancane
Color Grading: Roberto Beani, Simone Santilli
Sound Engineer: Dawid de Villiers
Sound Editors: Tommaso Barbaro, Agit Utlu
Sound Mixer: Massimo Mariani
Sound Design: Fullcode
Rental: MOOVIE s.r.l.
Script Translation: Ben Bazalgette
Titles and Credits: Superness.info

A production by Careof (I), Triosphere (SA)

Project supported by the Directorate-General for Contemporary Creativity by the Italian Ministry of Culture under the Italian Council program (2021)

And the additional support of ArteVisione, Mlz Art Deep

In partnership with Nirox Foundation

Permanent collection: MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna