Light Link. 5 artisti da Minksk, Novosibirsk e Vlasivosto

Blue Noses, Drum Ecstasy, Katya Kandyba, Tsesler e Voichenko, Andrey Savitsky

A CURA DI
Iolanda Pensa e Josef Grima

Dal 27.09.2004 al 20.10.2004

Light Link è il risultato di una ricerca sull'arte contemporanea a Minsk, Novosibirsk e Vladivostok che presenta a milano il lavoro di cinque artisti: Blue Noses, Drum Ecstasy, Katya Kandyba, Tsesler e Voichenko, Andrey Savitsk.

Light Link si riferisce alla leggerezza insita nel linguaggio delle opere selezionate - fotografie digitali e video - ma anche al comune passato sovietico delle città di Minsk, Novosibirsk e Vladivostok.

Il gruppo Blue Noses è nato nel 1999 ed è composto da Slava Mizin (1962), Dmitry Bulnygin (1965), Konstantin Skotnikov (1958), Alexander Shaburov (1965) e Maxim Zonov (1966-2001). Video, immagini e performance dei Blue Noses sono dominati da una comicità brutale. Gli artisti si esibiscono sguaiatamente attirando l’attenzione come buffoni invadenti, arrabbiati, volgari e cattivi.

Il gruppo Drum Ecstasy è composto da tre percussionisti ed un bassista: Philipp Tchmyr (1968), Aliaksandr Krautsou (1972), Aliaksandr Haroh (1978) e Stsiapan Bitus (1981).
Katya Kandyba (1968) racconta con installazioni e performance, dall’umorismo leggero e nostalgico, il presente del suo paese ancora avvinghiato ad un pesante passato.

Tsesler e Voichenko, ovvero Vladimir Tsesler (1951) e Sergey Voichenko (1955) sono una coppia di artisti poliedrici; la loro produzione tocca design, grafica, scultura, pittura, disegno, body art e pubblicità. Tsesler e Voichenko affrontano qualsiasi argomento con un linguaggio ironico, citazionista, pubblicitario ed ambiguo, che adora sguazzare nei paradossi, mescolare tecniche espressive e creare oggetti e situazioni surreali.
Andrey Savitsky(1971) usa e osserva la fotografia, i video, i suoni e i computer per mostrarne debolezze, fragilità e dolcezza.