Tracce di un seminario

A CURA DI
Giacinto Di Pietrantonio e Roberto Pinto

Dal 23.03.2004 al 10.04.2004

Dal 1997 ogni anno, gli artisti del Corso Superiore di Arte Visiva della Fondazione Antonio Rattidi Como espongono in questa occasione i loro lavori più recenti nati dall'esperienza del corso tenuto l’estate precedente. Il corso, sotto la direzione artistica di Annie Ratti e a cura di Giacinto di Pietrantonio e Angela Vettese, è coordinato da Anna Daneri.

A otto mesi di distanza dalla IX edizione, seguita dall’artista Richard Nonas, Tracce di un seminario intende verificare, attraverso un percorso espositivo, il processo di maturazione artistica dei singoli allievi: Roberto Ago (Italia), Daniele Bacci (Italia), Melania Bugiani (Italia), Beatrice Catanzaro (Italia), Simone Cesarini (Italia), Nemanja Cvijanovi (Croazia), Maria Adele Del Vecchio (Italia), Elenia De Pedro (Italia), Gian Carlo Floridi (Italia), Alice Guareschi (Italia), Jin Ha (Corea), Giovanni Kronenberg (Italia/Svizzera), Alessandra Lopes Caffarena (Brasile), Renee Lotenero (USA), Marco Magni (Italia/Germania), Marianna Mandirola (Italia), Andrea Melloni (Italia), Renato Jaime Moranti (Italia/Spagna), Alek O. (Argentina), Youbi Tchonang (Camerun), Joaquin Peña-Toro (Spagna), Dragana Sapanjo (Croazia), Alberto Trapani (Italia), Nikola Uzunovski (Macedonia), Kate Vickers (Australia).

Nelle sedi di Careof e Viafarini si ricostituisce l'intreccio di esperienze e di creatività vissute durante il corso ed emergono i percorsi individuali che ognuno dei venticinque partecipanti sta intraprendendo. Elemento comune è l'attenzione peculiare alla relazione tra arte e spazio, significativamente presente nel lavoro di Richard Nonas.

In occasione dell’esposizione sarà presentato il libro dedicato al corso di Richard Nonas, pubblicato da Charta nella collana Quaderni del Corso Superiore di Arte Visiva.

Tra i volumi precedentemente pubblicati, dedicati ai visiting professor intervenuti negli anni scorsi: Joseph Kosuth (1996), John Armleder 1997), Allan Kaprow (1998), Hamish Fulton (1999), Haim Steinbach (2000), Ilya Kabakov (2001), Marina Abramovi (2002), Giulio Paolini (2003)