18 June 2024 07:32:11
closed
c/o careof

Organizzazione non profit per l'arte contemporanea

c/o careof

Annalisa Pellino • La voce in transizione • Book Launch

21.02.2024, ore 18.30

con
Annalisa Pellino, Ph.D, post-doctoral research fellow, Università IULM, Milano

Vincenzo Estremo, Head of Research PhD program in Artistic Practice, NABA Milano

Mercoledì 21 febbraio 2024, alle 18.30, Careof ospita una conversazione tra Annalisa Pellino e Vincenzo Estremo, in occasione della presentazione del libro "La voce in transizione”, dedicato alla voce filmata.

Nel volume (Mimesis, 2023), Annalisa Pellino analizza la "phoné” come istanza performativa, gesto estetico e politico al centro dei processi di soggettivazione e di (dis)identificazione. Concentrandosi sull’uso e l’importanza della voce nelle pratiche artistiche cinematiche, l'autrice la considera come una possibile deriva per il cinema, un cinema espanso e fuori di sé, che migra e si riloca nell’arte contemporanea. La interroga a partire dalle pratiche e dalle teorie del cinema, quelle che, in particolare, riconoscono l’importanza del suono e della voce come estensione indisciplinata del corpo in movimento. Ma, soprattutto, si chiede come ripensare il rapporto tra le pratiche dell’ascolto e quelle della visione alla luce delle continue e più recenti trasformazioni del cinema.
Quale ruolo ha avuto e continua ad avere la voce in questo processo?

“Nel transito, o meglio, nella transizione, la phoné disattende le aspettative di identificazione e riconfigura il corpo e il suo rapporto con i media. Nella dissociazione dal corpo e attraverso la transizione in una forma e in un corpo altro, umano e non, essa intraprende un viaggio senza meta, una migrazione che la fa vagare in un terzo spazio tra lacuna e riverbero dove i significati diventano instabili”, scrive Annalisa Pellino.

L'appuntamento fa parte del palinsesto “Vapore d'Inverno” di Fabbrica del Vapore.

Annalisa Pellino - biografia

Annalisa Pellino è PhD in Visual and Media Studies, Research Fellow e Assistant Professor presso l’Università IULM di Milano (Dipartimento di Comunicazione, Arti e Media). È stata visiting scholar presso la University of California - Irvine e i suoi interessi di ricerca riguardano la cultura visuale, il cinema, le pratiche artistiche contemporanee e l'archeologia dei media, con particolare interesse per la dimensione sonora e la voce. È autrice de "La voce in transizione. Cinema, arte contemporanea e cultura fonovisuale” (Mimesis 2023) e suoi articoli sono stati pubblicati in diversi volumi e riviste scientifiche, oltre che nei magazine culturali online "Il Tascabile” (Treccani), "Doppiozero”, "Kabul Magazine” e "FlashArt”. Fa parte della redazione di Cinéma&Cie ed è co-founder di AWI - Art Workers Italia.

Vincenzo Estremo - biografia

Vincenzo Estremo è Ph.D. internazionale in studi sui media, sul cinema e sulla comunicazione presso l’Università di Udine e la Kunstuneversität Linz. Attualmente ricopre la posizione di head of research a NABA per il primo Phd in Practice italiano in collaborazione con l’Università di Göteborg. Teorico dell’immagine in movimento è docente di curatela del cinema esposto, estetica e fenomenologia. Ha collaborato con diverse istituzioni museali in Europa, co-dirige la collana editoriale Cinema and Contemporary Art (Mimesis International) e scrive regolarmente per Flash Art Italia e International, Che fare? e il Foglio. Ha pubblicato Extended Temporalities. Transient Visions in Museum and Art (Mimesis International 2016), Albert Serra, cinema, arte e performance (Mimesis Edizioni 2018), Teoria del lavoro reputazionale (Milieu Edizioni 2020) e Indistinzione (PS editore 2023).

CREDITS

immagine: Evangelia Randou e Ariane Labed in Attenberg (Athina Rachel Tsangari, 2010)