18 June 2024 09:00:00
open
c/o careof

Organizzazione non profit per l'arte contemporanea

c/o careof

Mara Palena • Il tempo entra ed esce ed io con lui

A cura di Marta Cereda e Matilde Scaramellini

11.06.2024 - 30.06.2024
martedì - sabato 15.00 - 19.00

inaugurazione Careof: 10.06.2024, ore 19.00
inaugurazione Pananti Atelier: 13.06.2024, ore 18.00

Careof presenta "Il tempo entra ed esce ed io con lui”, mostra personale di Mara Palena, che si avventura nel terreno della memoria traumatica, portando alla luce gli strati più profondi dell'inconscio attraverso installazioni video e fotografie.
Il progetto fa parte di una doppia esposizione dell'artista, che trova sede a Milano da Careof, con inaugurazione lunedì 10 giugno, e da Pananti Atelier con il titolo "Posto al Sicuro”, con inaugurazione giovedì 13 giugno.

Nei lavori di Mara Palena, il tempo si dissolve e la memoria prende forma, creando un dialogo intimo tra l'individuo e la collettività. Il progetto espositivo suggerisce una riconnessione con la propria storia; un passaggio fisico e concettuale che diviene archivio esperienziale condiviso con il pubblico. Un luogo sicuro, dove il peso e la bellezza dell'esistenza umana si riaccordano tra frequenze sonore e note di musica classica.

"Il tempo entra ed esce ed io con lui” è un moto non solo figurato, perché ogni opera presente negli spazi di Careof è memoria viva: una polaroid nel ghiaccio al cui disgelamento si rivela una rosa, come testimonianza di timida ma tenace resilienza.

Mettendo a nudo i meccanismi psichici più intimi emersi durante la terapia EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing), l’artista non tralascia gli eventi traumatici del proprio vissuto e accompagna in un percorso espositivo che salta nel tempo e nello spazio seguendo il percepito per poi osservarlo a un passo di distanza.

Tutto Il processo artistico di Mara Palena ruota intorno a una riflessione sulle emozioni umane in relazione al tempo, al ricordo e all’identità. Nelle sue installazioni, usa la fotografia, il suono e il video come punto di partenza, per poi manipolarli e alterarli, esplorando tematiche come la memoria e l’individualità. La consapevolezza della fragilità umana è elemento cardine e quasi ossessivo della sua ricerca, che si concentra sullo studio degli stati emotivi.

Conscio e inconscio, presente, ricordo e proiezione si confondono nei frammenti esistenziali che l'artista sovrappone all'interno dei suoi progetti, affidandosi a diversi metodi di studio del sé: dalla psicanalisi alla terapia del suono fino all'EMDR, percorsi sperimentati e attraversati dall'artista stessa per poi restituirne una sua personalissima elaborazione.

Mara Palena

Mara Palena (1988) vive e lavora a Milano. Il suo lavoro è stato esposto in diversi festival e gallerie internazionali, è arrivato finalista in numerosi premi tra cui: premio Combat, premio Fabbri, New Post Photography. Nel 2022 è stata nominata da Giangavino Pazzola e Camera Torino per FUTURES Photography.

EMDR

L'EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è una terapia psicologica utilizzata per trattare il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e altre condizioni legate a traumi emotivi. Durante le sessioni di EMDR, il paziente si concentra su ricordi traumatici mentre segue con gli occhi i movimenti del_ terapeuta o altri stimoli sensoriali. Si ritiene che questo aiuti a ridurre l'impatto emotivo dei ricordi e favorisca la rielaborazione emotiva. La tecnica è stata sviluppata negli anni ‘80 da Francine Shapiro ed è ora una pratica terapeutica ampiamente utilizzata, sebbene ci siano ancora dibattiti sulla sua efficacia comparata ad altre terapie.

Pananti Atelier

Sede milanese di Pananti Casa d'Aste, sorge in Via Aurelio Saffi 9, all'interno della storica Casa
Dugnani. Lo spazio ospita un calendario di preview delle aste in corso a Firenze e offre servizi di
consulenza e valutazione di opere d’arte. Con una programmazione artistica dedicata al contemporaneo, Pananti Atelier si propone di creare uno spazio su Milano, che faccia non solo da ponte con la sede fiorentina, ma che ricrei una dimensione di vivace scambio culturale tra presente e passato, omaggiando la storia della Casa d’Aste e riportando in auge una visione della galleria come luogo di contaminazione e di dibattito.
https://atelier.pananti.com/