Adel Al tai, fotografo a Baghdad

A CURA DI
Adriana Torregrossa

04.07.2002

Mr. Adel Al Tai sarà a disposizione per un approfondimento sulla realtà culturale e sociale del Paese, con proiezione di opere personali e di altri fotografi iracheni.

In questi anni diversi fotografi italiani hanno viaggiato in Iraq per conoscere la realtà del paese, durante e dopo la Guerra del Golfo.
Attraverso la fotografia si sono raccolte testimonianze della difficile condizione umana e dell'isolamento culturale e professionale, a cui sono costretti gli artisti iracheni. Sono nati così diversi progetti culturali a favore della formazione di giovani autori e scambi di sostegno con fotografi iracheni.

Tra i progetti principali la ricostruzione della BIBLIOTECA DI FOTOGRAFIA di Baghdad. Attiva dal Febbraio 2001 per iniziativa dell'associazione "Un Ponte per...." e resa possibile dall'adesione di decine e decine di fotografi italiani che hanno donato una loro opera per raccogliere i fondi necessari.
La biblioteca contiene un primo nucleo di oltre 500 volumi, raccolti grazie all'aiuto di varie realtà editoriali, fondazioni, musei, gallerie. In parte gestita dalla Galleria di Arte Moderna della città, in parte dall'Associazione Fotografi Iracheni, la biblioteca è coordinata da Adel Al Tai, promotore di un recente scambio di workshops tra fotografi italiani e fotografi iracheni.