28 February 2024 10:33:08
open
c/o careof

Organizzazione non profit per l'arte contemporanea

c/o careof

ArteVisione 2018

ArteVisione 2018 propone due novità che plasmano anche il workshop ArteVisione LAB: il bando è aperto ad artist_ under 40 e viene abolito il tema che negli anni precedenti aveva caratterizzato ciascuna edizione. E’ restrittivo il limite ai 30 anni d’età dei partecipanti, il supporto allo sviluppo e alla produzione di un’opera, infatti, può essere necessario anche a carriera avanzata.

Le finalist_ di ArteVisione 2018 sono: Fare Ala, Dario Bitto, Elisa Caldana, Nina Fiocco, Giulio Squillacciotti, Jacopo Miliani, Mali Weil.

Giulio Squillacciotti vince l’edizione 2018. Come si legge nelle motivazioni della giuria, il progetto filmico “What has left since we left“genera un cortocircuito tra presente, passato e possibili futuri, un tempo e uno spazio altro, sospeso, dove proietta, con grande abilità, alcune urgenze della Storia contemporanea. Giulio immagina un film sulla possibile fine del progetto comunitario europeo in maniera lucida, attuale e con un impianto ben strutturato.”

Careof decide poi di presentare “What has left since we left” alla VI edizione del bando Italian Council del MiBACT garantendo al progetto un successivo sviluppo internazionale di grande respiro. La produzione del film, che col tempo si allarga, è realizzata in collaborazione con Kingswood Films di Maastricht. In concomitanza nasce una partnership internazionale con Jan Van Eyck Academie, Maastricht e con il Museo Civico Castelbuono, Palermo, che acquisisce l’opera nella propria collezione. Viene inoltre pubblicato un libro edito da Onomatopee, Eindohven, dedicato al progetto e si realizza un ciclo di laboratori didattici per le scuole di Milano sul tema dell’identità europea, in collaborazione con Pane Arte e Marmellata. Contribuiscono  alla realizzazione di tutte le attività Limburg Film Fonds, Brand Cultuur Fonds, Dommering Fonds, Stichting Kanunniken Salden, Everstory, Video Power e Fondazione Cariplo.  

Un film potente e commovente in cui ognuno  può ritrovarsi e in cui la domanda “Who Do I Have To Be?” riecheggia e si fa monito di responsabilità per nuove lotte di ripensamento e per il superamento di quel che è ora l’Unione Europea.

ArteVisione LAB 2018 - Il programma

Giulio Squillacciotti - “What Has Left Since We Left”

Sinossi

Maastricht, 7 Febbraio 2032.
Quarant'anni dopo la firma del trattato di Maastricht, fondante l’Unione Europea per come la si conosce oggi, gli ultimi tre membri dell’Unione, il Belgio, la Germania e l’Olanda, si incontrano nella città Olandese, nella stessa sala del 1992, per firmare il trattato che chiuderà per sempre il progetto europeo, il suo comune governo, la comunità e la sua unione legislativa e, simbolicamente, identitaria.
Il film è la messa in scena di quella giornata e della conversazione avvenuta nel momento esattamente precedente la firma del trattato definitivo tra gli ultimi tre paesi rimasti membri.

Scheda tecnica

Anno: [2018]2020
Durata: 20'
Specifiche tecniche: Single Channel Film 4k 1.33.1, Audio Stereo
Lingua: Dutch, English, French, German spoken
Produzione: Marta Bianchi, Lia Manzella (Careof), Bas Geelen, Vincent Konings (Kingswood Films)
Executive Producers: Bas Geelen, Vincent Konings (Kingswood Films)
With the support of: Italian Council (I), Limburg Film Fonds (NL)
Additional funds: Arte Visione Prize, Sky Arte (I), Brand Cultuur Fonds (NL), Dommering Fonds (NL), Kanunniken Salden (NL)
In partnership with: Everstory (BE) / Video Power (NL)

Programma pubblico: Jordi Colomer

Lecture di Jordi Colomer
18.12.2018
h: 18.30
In occasione di ArteVisione LAB, l'artista Jordi Colomer (Barcellona, 1962) in dialogo con Martina Angelotti, presenterà i recenti sviluppi della propria ricerca: dal progetto pensato per Manifesta 12 Palermo al nuovo spazio interdisciplinare "La Infinita", inaugurato a Barcellona lo scorso 17 novembre.
Segue la visione dell'ultimo lavoro dell'artista “New Palermo Felicissima”, 2018 (video 21 min, 16:9,loop, Stereo, master 4K).